Articles

Alvord Desert

Ecco una caratteristica dell’Oregon fuori dai sentieri battuti: il deserto di Alvord.

Se stai visitando la parte sud-orientale dello stato, sai che vagare per questa parte del paese è un must. Il deserto di Alvord è nascosto all’ombra della pioggia della montagna Steens, e offre ai viaggiatori la vista straordinariamente bella della terra screpolata che si estende per miglia.

Questo paesaggio per lo più sterile (ma bello) si è formato migliaia di anni fa quando un lago si è seduto dove ora esiste il deserto. Profonde colate di lava sotterranee esistono ancora-la stessa lava che ha formato le cime del 5.000 piedi di altezza, 70 miglia di lunghezza Steens Range che domina l’orizzonte e confina con il deserto a ovest. Il lago secco di quello che ora è il deserto di Alvord non porta alcun accenno di umidità ora se non dalle piogge – sembra carta accartocciata, che si dispiega attraverso la terra.

Sembra desolato, ma ci sono vantaggi in questo tipo di geografia: stelle luminose, una quiete affascinante e spazio per la contemplazione. Per non parlare del misterioso boom occasionale che rotola attraverso la terra, il suono del movimento sotterraneo mentre la terra continua a spostarsi, ricordando ai viaggiatori quanto sia temporanea questa caratteristica attuale.

Inoltre, magma significa hot springs, e ci sono alcuni vale la pena visitare, tra cui Mickey Hot Springs, Alvord Hot Springs, Borax Lake, e alcuni punti su terreni privati che a volte si può accedere per una piccola tassa.

Il deserto è accessibile tutto l’anno, anche se da luglio a novembre è il periodo migliore per visitare, poiché la playa è solitamente abbastanza asciutta per i viaggi veicolari. Assicurati di vagare con attenzione in questa parte dell’Oregon: non c’è servizio cellulare, acqua portatile, che designa punti di campeggio o strutture. E la città più vicina è Campi, 45 minuti a 1 ora a sud.

Tuttavia, se sei pronto per un viaggio a spirito libero nell’Oregon sudorientale, questo sito BLM è un buon punto di partenza per la ricerca:http://on.doi.gov/1NWbGdC.