Articles

Gli agricoltori del passato ne sapevano più di noi?

La rotazione di Townshend — come quelle usate da George Washington e Thomas Jefferson — includeva trifoglio, grano, altri piccoli chicchi e rape, che rendevano buon cibo invernale per pecore e bovini. Mio zio non coltivava rape, ma lui, come tutti i suoi vicini, stava usando la sua versione del sistema a quattro colture, al centro del quale c’era l’erba medica.

Arrivare alla rotazione delle quattro colture non è stato facile, storicamente parlando. I Romani conoscevano la rotazione delle colture, ma nel Medioevo l’agricoltura si basava sulla pratica di lasciare la terra incolta, non piantata — riposandola, in altre parole. Lo scopo di tale pratica, come la rotazione delle colture stessa, è quello di evitare che il terreno si esaurisca quando lo stesso raccolto viene seminato più e più volte. Nell’agricoltura americana iniziale, soltanto gli agricoltori specializzati come Washington e Jefferson stavano usando le rotazioni del raccolto nei loro campi. C’era semplicemente troppa buona terra disponibile. Era troppo facile coltivare un pezzo e poi andare avanti quando il terreno era esaurito.

In un certo senso, è ancora così che funziona l’agricoltura moderna. Si guarda al futuro e scartare il passato. Una rotazione moderna include solo mais, soia, fertilizzanti e pesticidi. Qualunque cosa si possa pensare di colture geneticamente modificate, il passaggio a quelle varietà ha guidato la corsa al sistema a due colture. Queste colture sono progettate per tollerare la presenza di erbicidi. Il risultato è che i terreni agricoli sono stati inondati di glifosato, l’erbicida geneticamente modificato colture sono progettati per.

La struttura stessa del sistema agricolo, nella sua forma attuale, è progettata per restituire il massimo profitto possibile, non agli agricoltori ma ai produttori delle sostanze chimiche che usano e dei semi che piantano. E poiché queste sostanze chimiche dipendono dall’energia fossile, l’intero sistema è intrinsecamente insostenibile. Ciò che gli agricoltori tornavano al suolo sotto forma di lavoro e letame animale — non il tipo tossico che si trova nei sistemi di confinamento del bestiame — ora devono acquistare, proprio come comprano il diesel per i loro trattori.