Articles

La statua del sindaco di Philadelphia Frank Rizzo viene rimossa

PHILADELPHIA PHILADELPHIA Una gru ha sollevato una statua a lungo polarizzante dell’ex sindaco di Philadelphia Frank Rizzo dalla sua casa fuori da un edificio pubblico nelle prime ore di mercoledì, sbattendola via dopo che le recenti proteste contro la brutalità della polizia ne hanno accelerato la rimozione.

Mentre le truppe della Guardia Nazionale schierate per le proteste osservavano, la gru sollevò la statua di bronzo di 10 piedi (3 metri) e gli operai la scuotevano dal suo stand fuori dall’edificio dei servizi municipali, di fronte al Municipio. Sarà memorizzato fino a quando un piano permanente per il suo destino può essere determinato, hanno detto i funzionari.

Rizzo, che morì nel 1991, gettò una lunga ombra a Philadelphia. Fu commissario di polizia dal 1968-71 e fu sindaco dal 1972-80. La sua reputazione di essere duro con il crimine è stato accoppiato con denunce di discriminazione razziale.

Le chiamate per rimuovere la statua, un bersaglio frequente di vandali, erano cresciute più forte negli ultimi anni. Il sindaco Jim Kenney aveva precedentemente promesso di spostarlo in 2021.

Kenney aveva detto lunedì che “non gli è mai piaciuta” la statua e ha annunciato un piano per spostarla questo mese dopo che è stata deturpata durante le recenti proteste scatenate dalla morte di George Floyd, un uomo di colore morto in Minnesota dopo che un agente di polizia bianco gli ha premuto un ginocchio al collo per diversi minuti.

“Non vedo l’ora di vederlo andare via”, ha detto Kenney.

Un murale di Rizzo, dipinto sul lato di un edificio vicino al mercato italiano a South Philadelphia 25 anni fa, è stato deturpato mercoledì mattina. Il murale è stato vandalizzato più volte nel corso degli anni.

Più tardi mercoledì, Mural Arts Philadelphia ha annunciato che non avrebbe più ripristinato o riparato il murale, come ha fatto in passato.

“Non crediamo che il murale possa svolgere un ruolo nella guarigione e nel sostegno del dialogo, ma piuttosto è diventato un doloroso promemoria per molti dell’eredità dell’ex sindaco, e aggiunge solo dolore e rabbia”, ha detto il gruppo in una dichiarazione.

Mural Arts ha chiesto lo smantellamento del murale e suggerisce “un pezzo unificante di arte pubblica al suo posto.”

Il proprietario della proprietà privata su cui è dipinto avrebbe bisogno di approvarlo.